Archivio per la categoria 'Segnalazioni'

Segnalazioni

In questi giorni si dibatte molto sulla rete intorno al decreto sicurezza e all’emndamento D’Alia. Segnalo due post interessanti.

Il primo è un’intervista fatta da Zambardino a Marco Pancini, resposabile per le relazioni istituzionali di Google in Italia. E’ raro che un’azienda prenda una posizione così decisa nei confronti della politica e questa intevista mi ha stupito per i toni così netti.

Il secondo è un post molto sarcastico di Marco Montemagno sull’arroganza della politica quando pretende di normare ciò che non conosce. Non so perchè, ma mi è venuto in mente Neruda “Guardatevi in giro, c’è una sola forma di pericolo per voi qui: la poesia”.

IAB Forum 2008 – riflessioni della domenica

Per chi lavora nel nostro settore lo IAB Forum è un po’ come il Natale, un appuntamento fisso che sai che arriva in inverno, quando fa freddo e il tempo è brutto e che come a Natale incontrerai molte persone, alcune le rivedrai con piacere, altri saranno sorrisi di circostanza.

E anche quest’anno lo IAB Forum è arrivato, tutti nei giorni precedenti ci siamo chiesti “Ma tu quando vai?”, “Ci vediamo allo IAB” campeggiava su Facebook e messenger…

Cosa è stato detto e fatto ormai lo sapete già e poi c’è un ottimo live blogging di tutto il convegno qui. Purtroppo ho potuto partecipare solo a spizzichi e bocconi, godendomi la mattinata di mercoledì e i workshop del giovedì pomeriggio, per cui le mie riflessioni saranno necessariamente parziali.

Come prima cosa, quest’anno lo IAB Forum arrivava in un momento difficile e strano: la crisi economica ci spaventa, l’elezione di Obama ci ha eletrizzato. Era dunque difficile trovare un tema che non suonasse ridicolo in un momento di contrazione degli investimenti o al contrario apocalittico. Gli organizzatori sono stati molto bravi e personalmente ho apprezzato molto l’intervento di Marco Vernocchi di Accenture che ha fotografato la struttura industriale/artigianale del nostro settore; credo che i punti di forza e debolezza individuati diventeranno cruciali con la crisi alle porte.

Nota divertente dallo IAB la campagna ideata da Gay.tv con una drag queen truccatissima ed elegantissima che inseguiva i maschietti presenti per farsi fotografare con loro e poi rivedersi sul sito. Insomma, nulla di particolarmente innovativo ma bello lo humor con cui era giocata l’iniziativa. Di segno opposto invece le hostess hawaiane con gonnellino di paglia in uno degli stand: è vero che siamo i primi a spettacolarizzare tutto, ma ho trovato l’iniziativa di cattivo gusto, sessista (tanto più che il nostro è un settore a forte presenza femminile…) e troppo sopra le righe perchè infondo è sempre un evento dedicato agli operatori.

Ultima nota di plauso e contemporaneamente biasimo per l’impatto zero dell’evento: ultima consacrazione del green marketing e qualunque sia stato ilfine, morale o utilitaristico, dell’iniziativa, finalmente riusciamo a fare qualcosa di buono per il nostro pianeta. Però… l’attezione all’ecologia si dimostra anche nelle piccole cose e nei gesti che compiamo quotidianamente, nella scelta dei prodotti che acquistiamo, ecc. Va benissimo la forestazione compensativa dall’altra parte del mondo, ma poi sull’invito viene messo in evidenza un parcheggio di 500 posti auto vicino alla fiera… Perchè non scrivere: IAB consiglia la scelta dei mezzi pubblici per diminuire l’emissione di CO2; se proprio devi arrivare in auto c’è un parcheggio a pagamento, ecc.? Credetemi, ho sempre preso i mezzi per arrivare al MIC e non ho nemmeno perso un grammo!

Codice Internet

Su iniziativa di Marco Antonio Masieri e Marco Montemagno è nato un mesetto fa “Codice Internet“. Obiettivo della bella iniziativa è quello di diffondere in Italia l’uso e la conoscenza di Internet al grande pubblico attraverso varie iniziative di divulgazione.

Visita Codice Internet
Gli iscritti hanno già superato i 1.000 nonostante il periodo vacanziero. Se volete aggiungermi tra gli amici, mi trovate qui.

Commons – alcune segnalazioni

Storicamente, in economia lo studio dei commons è sempre stato relegato in un angolino oppure veniva affrontato dall’Economia Pubblica (che di per sè è un po’ un ossimoro). Insomma, i commons sono sempre stati scomodi perché sembravano fare eccezione rispetto a quella magnifica legge della domanda e dell’offerta che ci ha governati negli ultimi 2 secoli.

Ma i nuovi media e una nuova coscienza ecologica sul futuro del nostro pianeta l’hanno portati alla ribalta. Ad esempio, di chi sono glli oceani e l’Antartide? Come devono essere tutelati? Oppure, la conoscenza è un bene pubblico oppure privato?

Ecco allora alcuni link interessanti sparsi per la rete:

Buona lettura!

Parlare e ascoltare al momento giusto – due post da leggere

Due post che mi hanno colpito negli ultimi giorni:

A ben guardare, dicono la stessa cosa…